Le Pmi online crescono di più

Le piccole e medie imprese (Pmi) attive online crescono cinque volte di più rispetto a quelle che non sono in Rete. Le leve del digitale coincidono con quelle dello sviluppo e sembrano aver spinto il business di molte società, sopratutto, durante l’emergenza coronavirus. Il boom continuo del commercio elettronico in Italia ha sostenuto il business non solo dei migliori siti di e-commerce ma anche delle società di consulenza digitale e di trasporto merci. Un buon motivo per essere in rete per le imprese è quello di valorizzare il proprio brand e i propri servizi.

I clienti vogliono scegliere esperienze, non solo prodotti e servizi. La rete permette di aggiungere valore, facendo arrivare informazioni rilevanti ben oltre i confini delle imprese. Inoltre, raccontare i servizi e i prodotti è importante soprattutto per quelle imprese che vogliono raggiungere e diffondersi sui mercati esteri, una nuova narrativa online del proprio business e della propria realtà.

Le rete permette di far uscire l’impresa fuori dal territorio di pertinenza, dove i brand non sono conosciuti e dove non c’è una condivisione diffusa di quelle che sono le potenzialità del prodotto. All’estero, più il mercato è culturalmente distante e più vi è la possibilità di far crescere la propria presenza. Raccontare, aggiunge valore perché il cliente non conosce il processo produttivo, non lo vive. Raccontare e vendere sono le armi delle Pmi italiane per poter superare la crisi economica e affrontare nuovi mercati. L’esperienza di acquisto è sempre più integrata: la distanza tra le azioni che i clienti compiono online e quelle che compiono offline va sempre più riducendosi. Sostanzialmente, vendere online, dopo aver intrapreso una corretta campagna di comunicazione e conoscenza dei propri servizi e prodotti, permette alle Pmi di ampliare il mercato locale, raggiungere mercati internazionali, dare un servizio migliore ai clienti abituali e diversificare l’offerta. Non è semplicemente un sito, ma un negozio aperto full time, sempre attivo e pronto a soddisfare il cliente.

Una valutazione importante da parte della Pmi interessata a farsi conoscere online è quella di comprendere se aprire subito un e-commerce personalizzato o vendere su piattaforme già conosciute e presenti sul mercato, come Amazon. In tal caso ricordiamo che cambiano i costi, la visibilità verso i clienti e le condizioni. Molte Pmi decidono di avviare entrambi i percorsi, integrando tra loro le varie opzioni.

Le Pmi che hanno investito nella presenza online hanno potuto utilizzare i medesimi canali anche per ricercare nuovi lavoratori e assumere coloro che potessero portare ad uno sviluppo della propria attività.

Questo tipo di approccio si affianca anche alla scelta di rivolgersi a figure importanti, come quella del social media manager, un soggetto in grado di trarre i benefici più ampi dall’utilizzo della rete come strumento per arrivare a compiere la mission dell’azienda.

Il 75% delle PMI che sono riuscite a vendere anche al di fuori dell’Italia hanno iniziato ad avere contatti con l’estero grazie alla loro presenza all’interno dei social e grazie alla creazione dei propri siti di e-commerce. Quindi, avere un negozio virtuale è uno dei passi fondamentali grazie ai quali poter essere contattati da clienti che non si trovino in Italia. Questo significa che studiare e creare i contenuti, lo si fa dopo aver studiato il target e puntando verso obiettivi precisi. Lavorare in un ambiente collegato al social media marketing, magari in una web agency di grandi o medie dimensioni o al fianco di un professionista affermato, è importante per la crescita professionale del proprio brand. Le Pmi hanno tante figure che possono coinvolgere ed è giusto farlo per evitare di compiere errori e avallare proposte non incisive per la propria crescita.

Articolo di Domenico Letizia pubblicato dal Think Tank “Imprese del Sud“.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *