Nel 2019 i volumi di Gnl importati tramite l’unico terminale greco sono stati di 2,8 miliardi di metri cubi e per il 2020 è già stata superata tale capacità. Inoltre, nei Balcani il consumo di Gnl dovrebbe a breve toccare i 35 miliardi di metri cubi e nuove opportunità giungono anche dalle politiche di diversificazione energetica ed economica intraprese dal governo di Tirana per superare una storica dipendenza dall’energia idroelettrica e dalle vecchie centrali a carbone.

Approfondimento di Domenico Letizia pubblicato dal quotidiano “L’Opinione delle Libertà“.