Il “salotto digitale” per comprendere le nuove prospettive e preoccupazioni delle categorie professionali

Un’idea innovativa nasce all’interno dell’Agenzia pubblicitaria “Elio Web. Il “salotto digitale” per comprendere le nuove prospettive e preoccupazioni delle categorie professionali della nostra Penisola. Una rubrica, completamente accessibile e gratuita, con una serie di interviste video per approfondire le dinamiche del digitale e per confrontarci sul mondo delle Pmi e su come trovare probabili soluzioni smart, innovative e tecnologiche a chi sta vivendo la problematica della pandemia internazionale del Coronavirus.

Nel meridione italiano, in questo periodo, è l’agricoltura a subire le più profonde trasformazioni e così sarà anche per il futuro. Oggi sono già tantissime le aziende che scelgono di avere un approccio digitale. Di fronte ad un settore in continua evoluzione non si può che rimanere in ascolto ad aggiornarsi per rispondere al meglio alle nuove esigenze. Quando si parla di trasformazione digitale nel settore si parla anche di Agricoltura di precisione, di Agricoltura non invasiva e di Agricoltura sostenibile. Nella prima si opera con i gps e con i dati infiniti offerti dai computer, nella seconda si utilizzano radiografie fatte con i laser, utili ad analizzare le superfici coltivabili e nella terza ci si concentra sulle coltivazioni che crescono in acqua (idroponiche), o in serra senza la terra ma con acqua nebulizzata e arricchita da sali minerali (aeroponiche). la trasformazione digitale in agricoltura è un processo complesso, indispensabile ma soprattutto inarrestabile. Un processo che garantirà benefici ai quali nessun imprenditore potrà rinunciare, pena l’uscita dal mercato. Riduzione di costi, migliore qualità, sicura tracciabilità e sostenibilità ambientale sono solo alcune delle voci che il digitale può garantire a tutti, anche a quegli imprenditori agricoli che magari sono lontani da tali approcci contemporanei.

Le interviste di “Salotto Digitale” sono a cura del giornalista Domenico Letizia.

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *