Il ruolo che le tecnologie dello spazio rivestono per la digitalizzazione delle PA

Si è svolto presso l’Università Federico II di Napoli, con la “Scuola politecnica e delle scienze di base”, ospitati dal professor Grassi della facoltà di ingegneria (industriale), Avio, Sophia, Bocconi ed Università di Padova, un’importante conferenza sulle politiche dello spazio, le opportunità di collaborazione e cooperazione spaziale e un approfondimento su comunicazione e spazio. Un evento promosso da Fondazione COTEC in partnership con AVIO SpA e in collaborazione con la portoghese Associação COTEC e la spagnola Fundación COTEC, focalizzato a evidenziare il ruolo che le tecnologie dello spazio rivestono per la digitalizzazione delle PA e conseguire rilevanti prestazioni ed efficienza. Infatti, i requisiti di capacità e velocità di comunicazione da parte degli avanzati sistemi di gestione della informazione possono essere soddisfatti con l’utilizzo di sistemi spaziali, basati da reti di satelliti in orbita inferiore a quello della geostazionarietà. Ciò richiede ai lanciatori di satelliti elevate prestazioni sul piano delle funzioni da svolgere, per cui sono necessarie avanzate soluzioni tecnologiche e realizzative. L’evento ha consentito di verificare il livello delle prestazioni offerte dagli operatori nazionali del settore Spazio, in particolare da AVIO SpA, attraverso le collaborazioni con qualificate università nazionali e con aziende specializzate di Spagna e Portogallo. È stata anche evidenziata la necessità di una più stretta collaborazione fra imprese, enti di ricerca e organizzazioni pubbliche di Italia, Portogallo e Spagna, al fine di conseguire una posizione competitiva nel quadro europeo e internazionale. Così a conclusione dell’evento, è stato sottoscritto un Accordo Quadro di collaborazione fra i principali operatori del settore Spazio dei tre Paesi, da cui potranno derivare importanti iniziative di Ricerca & Innovazione.

Ulteriori approfondimenti:

Lo spazio e la sua geopolitica tra scoperta e conoscenza

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *