Il Rotary connette il mondo in modo innovativo

Il coronavirus ha riacceso con prepotenza la tematica della digitalizzazione delle attività sociali, produttive e di meeting del Rotary e dei Rotariani, da sempre impegnati in attività sociali, incontri, formazione, dibattiti e beneficenza, raccogliendo la sfida e iniziando a sviluppare nuove modalità di servizio.

Inviata a tutti i Club d’Italia e del globo una lettera a firma di Mark Daniel Maloney e di Holger Knaack, presidenti 2019/2020 e 2020/2021 del Rotary International, per richiamare l’attenzione sulle problematiche dell’attualità legate al diffondersi del virus.

2019-2020 RI President Mark Daniel Maloney speaks during General Session 2 at the International Assembly, 14 January 2019, San Diego, California, USA.

Da individui pronti ad agire, siamo a nostro agio solo quando siamo completamente coinvolti nel mondo, spostandoci liberamente, incontrandoci apertamente e dando una mano. Questi sono tempi molto difficili per persone che, come noi, sono completamente realizzate quando possono imparare, crescere e servire insieme”, leggiamo dalla lettera. Sempre dal Rotary International viene annunciata anche la proposta alla problematica: “Stiamo riflettendo molto seriamente sulle questioni che riguardano gli eventi in programma del Rotary. Sappiamo che i club e i distretti stanno cogliendo l’opportunità per diventare dei leader nelle loro comunità e stanno facendo un uso migliore della tecnologia in questo momento di bisogno. Ad esempio, un Rotary e-club in Italia, Fenice del Tronto, ha tenuto una sessione online in diretta sulla sensibilizzazione al Covid-19; un club di Taiwan ha collaborato con le aziende e un’associazione di farmacie per donare 1.600 bottiglie di disinfettante alla città di Ji-Long e i Rotary club dello Sri Lanka hanno aiutato ad aggiornare software e hardware per l’ufficio, per la promozione della salute e per assistere con la messaggistica social”.

Attraverso la digitalizzazione della propria attività, il Rotary, con i vari Club in tutto il mondo, resta protagonista facendo un uso migliore della tecnologia in questo momento di bisogno sociale. Ricordiamo l’iniziativa del Rotary Club Roma Cassia che ha costituito un gruppo ad hoc su Skype denominato “Rotary Club Roma Cassia – CD 2020 -21” per proseguire senza interruzione l’attività del Consiglio direttivo.

Per i dirigenti e i presidenti dei vari club, connettere il mondo in modo innovativo, vuol dire anche, in questo particolare momento, seguire da vicino i consigli dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e delle autorità sanitarie locali e aiutare i vicini meno fortunati ad affrontare gli effetti dell’isolamento e della paura, attraverso l’utilizzo della tecnologia e del digitale, fornendo il proprio supporto di idee e sostegni finanziari alle autorità competenti per l’emergenza sanitaria.

Una sfida nella formazione ed informazione attraverso la “telematizzazione” delle attività, che trova ugualmente la sua forza di penetrazione, è quella che sta mettendo in atto il Rotary Club Roma Cassia insieme a “Gi.&.Me Association”, presieduta da Franz Martinelli, che hanno di recente avviato un percorso che punta, in collaborazione con università e scuole, al potenziamento dell’e-learning per i giovani, con lezioni tenute anche da remoto sul tema della “Difesa del Clima e dell’Ambiente e del settore agroalimentare, con il rilascio di una certificazione ad hoc.

Le nuove generazioni vengono così aiutate a recepire più agevolmente la necessità di tutelare la terra e la salute umana, così da essere pronti a sviluppare idee di network e occupazione, rispecchiando i temi della sostenibilità e gli obiettivi internazionali dell’Agenda 20-30 delle Nazioni Unite, attraverso un percorso formativo e informativo accompagnato da esperti, professori e analisti del mondo dello sviluppo sostenibile, dell’ecologia e dell’impresa, sia a livello scolastico che a livello universitario.

L’Italia e i giovani non possono permettersi di perdere tale sfida, così come altri innumerevoli Paesi del Mediterraneo e dell’intero globo, lavorando per migliorare il nostro futuro e grazie all’aiuto del digitale. Inoltre, l’emergenza sanitaria crea nuovi visioni del sociale, delle nostre esistenze e della formazione e il Rotary è sempre pronto a dare il proprio contributo alla società, guardando all’innovazione e puntando attraverso l’e-learning, alla formazione innovativa e certificata per le giovani generazioni.

Articolo di Domenico Letizia pubblicato dal quotidiano “L’Opinione delle Libertà“.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *