I Paesi (che non ti aspetti) dove fare impresa

Vi piacerebbe aprire un’attività all’estero? Fare impresa fuori dall’Italia non è facile, ma nemmeno impossibile. Paraguay, Estonia e Albania, sono ( a nostro avviso) i tre Paesi che strizzano l’occhio a capitali e talenti italiani, scrive la storica rivista “Vanity Fair“, con un approfondimento della giornalista Mary Marchesano.
Albania, per alcuni è la ventunesima regione d’Italia. 
Sarà per la vicinanza con l’Italia e i legami profondi che uniscono questi due paesi (l’Italia è da sempre sostenitrice dell’entrata in UE dell’Albania – i negoziati cominceranno a giugno del 2019) ma l’Albania è un mercato attraente. A confermarcelo Domenico Letizia: «Per alcuni è la ventunesima regione d’Italia. I bassi costi di manodopera e una flat tax molto conveniente, hanno reso l’Albania una meta molto appetibile per le nostre imprese. Costi competitivi, benefici fiscali, una tassazione non onerosa, una burocrazia snella, un quadro giuridico che non prevede particolari restrizioni e che agevola il flusso di investimenti diretti provenienti dall’estero ed un quadro normativo economico che si è allineato alle leggi europee sono solo alcuni dei vantaggi offerti da questo stato. Il Paese delle aquile rappresenta il primo partner commerciale dell’Italia, detenendo una quota pari al 37% dell’interscambio commerciale complessivo di Tirana. Secondo i dati diffusi dall’Istituto Albanese delle Statistiche, l’Italia occupa inoltre il primo posto per numero di imprese con capitale straniero e misto operanti in Albania, con un’incidenza del 46% sul totale e un incremento annuo del 21%».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *