Bakhita. Il fascino di una donna libera

Si è volta, presso la sede dell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, la presentazione del volume “Bakhita – Il fascino di una donna libera” del giornalista di Avvenire Roberto Zanini.

Presenti, l’Ambasciatore italiano presso la Santa Sede Pietro Sebastiani, Mons. Marcello Semeraro Vescovo di Albano e Segretario del Consiglio dei Cardinali del Santo Padre, Madre Sandra Maggiolo Consigliera Generale delle Figlie della Carità Canossiane,  Rita Pinci coordinatrice di “Donne Chiesa Mondo”, Mario Marazziti noto esponente politico, già portavoce della  Comunità Sant’Egidio e l’autore del volume.

Domenico Letizia e l’ambasciatore Pietro Sebastiani

La presentazione è stata moderata dal giornalista Giovanni Tortorolo. Nativa del Sudan, dove nasce nel 1869, viene rapita a sette anni e venduta più volte sul mercato della tratta delle schiave. I suoi rapitori le danno il nome di Bakhita. Viene comprata a Kartum dal console Italiano Calisto Legnani. Quando la famiglia Michieli cambia ubicazione, resta con la loro bambina presso le Suore Canossiane di Venezia. Si avvicina alla fede cristiana, chiede il battesimo  e cambia il nome. Decide di devinire suora canossiana. Venne poi canonizzata da Giovanni Paolo II nell’anno 2000.

Emblematiche le parole dell’Ambasciatore Sebastiani durante i lavori introduttivi:

“Vediamo tante donne laiche e religiose sempre all’opera,  in prima linea, nell’affermare diritti e dignità . In Africa spesso rappresentano il  motore dell’Economia delle comunità locali. Molte di loro  sono protagoniste dirette e indirette di nuovi approcci all’economia, impegnate nella difesa dell’ambiente. La nostra storia è caratterizzata dalla tragedia della tratta delle schiave, della prostituzione minorile e la costante violazione della dignità delle donne.  Assurdo che ancora oggi nel 2019, anche nei paesi occidentali, non si è raggiunta la parità salariale. Molto deve cambiare e dobbiamo impegnarci anche ricordando figure come quella di Bakhita”.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *