Alfonso Pecoraro Scanio: “Il buongoverno civico ed ecologista esiste e va esteso”

Secondo l’ex ministro dell’Ambiente e dell’Agricoltura, l’onda verde che si sta diffondendo nel nord dell’Europa presto giungerà anche da noi, proponendo finalmente quella sensibilità ‘green’ come autentica occasione di rinnovamento delle culture politiche progressiste di tutto il mondo

Le recenti elezioni europee hanno generato uno scenario innovativo, lontano dai passati schemi europei. Ciò che ha fatto sì che i Partiti euroscettici non siano riusciti a prendere il controllo del parlamento europeo è stato un voto ai Verdi e alle forze ecologiste in molti Paesi. Esse sono, infatti, la seconda forza politica in Germania, mentre in Francia sono terzi. Un ‘boom’ del gruppo ambientalista, che segna buoni risultati in diversi altri Paesi, come Portogallo e Olanda. Certo, nel sud d’Europa la forza ‘green’ è sempre stata poco incisiva, salvo i Verdi italiani fino al 2008. Ma stavolta, pur con percentuali lontane dalla Mittle-Europa, anche qui da noi l’onda verde sta avendo un suo richiamo. I candidati del Movimento 5 Stelle legati alle tematiche ecologiste, il Partito Animalista, la lista dj Europa Verde con Possibile e altre realtà provano ad affermarsi suscitando un interesse, da parte dei cittadini, che continua a essere vivo. Nel tentativo di comprendere cosa accade nel mondo ecologista e quali esperienze interessanti si stiano sviluppando in tale ambito politico e culturale alla vigilia dei ballottaggi del 9 giugno in molti comuni, Domenico Letizia ha intervistato per Periodico Italiano Magazine il presidente della “Fondazione UniVerde“, già ministro dell’Ambiente e dell’Agricoltura, Alfonso Pecoraro Scanio. 

Per leggere l’intervista: “Alfonso Pecoraro Scanio: “Il buongoverno civico ed ecologista esiste e va esteso“.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *